Andromeda

C'era necessità di un altro produttore di amplificatori, con tutta l'offerta già presente sul mercato? No, se non fosse che spesso il chitarrista evoluto ha la sua idea di suono perfetto e, probabilmente, non riesce a trovarlo in nessun prodotto attualmente in commercio.

Luigi è uno di questi chitarristi: in quaranta anni di musica, non è riuscito ad essere completamente soddisfatto da un amplificatore esistente, per quanto eccellente, per quanto abbia provato di tutto.

Allora, che fare? La risposta che Luigi si è data è semplice: provare a costruire il proprio amplificatore, quello dal suono perfetto. Ha così progettato, costruito e provato circa trenta amplificatori nel corso di 10 anni di sperimentazione, esplorando architetture diverse, perfezionando i più promettenti. Alla fine, è arrivato al prototipo Andromeda: la corposità del suono, la malleabilità, la dinamica della risposta, l’assenza di rumore di fondo, le dotazioni di bordo sono le caratteristiche sorprendenti che lo hanno finalmente convinto di aver fatto qualcosa di notevole.

Per avere la riprova di questa sensazione, abbiamo fatto provare Andromeda ad alcuni amici chitarristi e, in particolare, a Roberto De Angeli. L'entusiasmo che questo suono ha generato ci ha sorpresi: abbiamo perfezionato il progetto seguendo alcuni consigli di Roberto e ci siamo decisi a realizzare una piccola serie fatta a mano. Insomma, a lanciarci - per puro piacere di condivisione - in una avventura di produzione artigianale limitata.


Qual è dunque il segreto del suono di Andromeda?

Ha un cuore. Di chitarrista.


Il segreto di un suono unico


Luigi Ridolfi


Mario Santucci


Roberto De Angeli